Cena dal Presidente della Repubblica…

 Seguici su Facebook
878

Presenti tutte le personalità di spicco del mondo della politica e del jetset. I commensali si siedono al tavolo tutti esterrefatti dal lusso e dalla ricchezza della tavola imbandita.

La moglie di Prodi dice a suo marito:

“Romano… guarda, guarda che lusso a tavola, e guarda le stoviglie, guarda le posate! I coltelli, guarda i coltelli: sono in oro zecchino, con brillanti e smeraldi incastonati! Mi dispiace Romano, non ci sono storie, ne voglio uno in ricordo da portare a casa ”

“Ma per favore cara….”

“Non voglio sentire stronzate !! Prendimi subito un coltello !!!!”

“Va bene cara, ma non ti arrabbiare, ok ?!”

Al che, Prodi, molto cautamente, prende il coltello e lo fa sparire nel taschino della giacca…

Proprio di fronte alla coppia Prodi, siedono Veronica Lario e Silvio Berlusconi che hanno visto tutta la scena.

Veronica invidiosa dice a suo marito: “Dai Silvio, prendine uno anche a me.”

“Consentimi Veronica, come posso fare una cosa del genere?!”

“Non si discute: se quella vacca della Prodi ce l’ha, allora lo voglio avere anch’io !!”

“Se insisti tanto…..”

Cosicché, con la stessa cautela di Prodi, il Cavaliere si prepara all’insano gesto….. allunga la mano che però data l’emozione lo tradisce e per sfiga il coltello batte varie volte su un bicchiere…… tlin, tlin, tlin, tlin, tlin ….

Nell’immensa sala tutti tacciono….

Con il suo navigato sorrisone, senza saper bene cosa fare, il Berlusca si alza in piedi e dice:

“Brindiamo tutti al Nostro Presidente, garante delle istituzioni, al Presidente degli Italiani! Cento di questi giorni! Auguri PRESIDENTE !!”

Tutti brindano e Berlusconi tira un gran sospiro..

“Silvio, sei proprio un pirla. Comunque sappi che io da qui non me ne vado senza quel coltello, per cui datti da fare!!”

“Dai Veronica, ho già combinato un mezzo pasticcio, lasciamo stare, ok?!”

“Lasciamo stare un par de palle caro il mio Cavaliere: la Prodi c’e l’ha?!?! Bene, LO VOGLIO ANCH’IO!”

“Ma quanto sei cocciuta… però in effetti il coltello è proprio bello….deve anche valere un bel po’!”

Quindi Silvio si prepara per effettuare il furto, ma la scena si ripete: tensione del momento o frega ancora, e la sua mano fa sbattere ripetutamente il coltello sui bicchieri…

Silenzio tombale nel salone dei ricevimenti Silvio non può che alzarsi in piedi ed esclamare:

“Un brindisi anche per la Signora Franca, per la sua ospitalità e la sua bellezza !!”

Tutti brindano ed il Cavaliere tira il secondo sospiro di sollievo.

“Sei proprio un uomo inutile! Non sei nemmeno capace di fregare uno stupido coltello per me!”

“Cara, è che….”

“Cara un par de balle ! Voglio quel coltello e lo voglio adesso!!”.

“Ma non posso, hai visto che l’emozione mi gioca brutti scherzi, non sono abituato a certe cose ”

“Non puoi ?!?! Puoi eccome e ti conviene farlo subito, altrimenti mi alzo e ti sputtano qui, davanti a tutti”

“Dai Trottolina, non fare così…!”

“Trottolina lo chiami Emilio Fede ! Prendi quel coltello per me ORA altrimenti fra 5 minuti ti lascio!!”

Così Silvio, vista la furia della moglie, per l’ennesima volta fa scattare l’operazione coltello ….

tlin, tlin, tlin, tlin, tlin ….

Silenzio totale.

Sudori freddi pervadono il Presidente del Consiglio.

Si alza in piedi, e vedendo la faccia infuriata della moglie dice: “Permettetemi di fare un gioco di prestigio; vedete questo coltello che ho in mano ?! Lo farò sparire… lo infilo nella tasca della mia giacca e…….

sim-sala-bim …

Romano, controlla la tua tasca per favore!!!”

<< PRECEDENTE SUCCESSIVA >>
<< Precedente Successivo >>